Roma – Grosseto

Grosseto. 18 maggio 2013.

Il 2013 è stato un anno denso di viaggi in bici, così dopo la trasferta sarda di aprile e in vista del viaggione estivo, una cinque giorni in Toscana era doverosa. Viaggio di scoperta e ri-scoperta del suolo italiano per Fabio, che dopo la piovosa Rotterdam/Parigi dell’anno scorso avverte la necessità di sole e colline verdeggianti. E a completare il terzetto stavolta abbiamo il suo amico Saverio, munito per l’occasione di una Collalti nuova di zecca.

Itinerario? Volutamente non pianificato. Destinazione Toscana. Non basta?

Partenza? Quella sì (pianificata). Si tratta delle radici, della culla dell’adolescenza dell’emigrante italiano Fabio, residente ad Amsterdam da sei anni con un passato grossetano alle spalle.

Attrezzatura? Tanta. Tantissima. A quella ci ha pensato Saverio, le cui borse sono piene più di Go-Pro e macchine da documentario sul caribù in Africa che di vestiti o chiavi inglesi da bici.

Atteggiamento? Ibrido. Ancora informe. Ma si delineerà chilometro dopo chilometro, pasto dopo pasto e giorno dopo giorno, prendendo forma in vere e proprie correnti di partito che stringeranno alleanze alla ricerca della maggioranza.

Prologo: Roma Ostiense / Grosseto

18 maggio 2013

L’infanzia di Fabio

18 maggio. Il tardo pomeriggio romano è di un’aria così dolce da fare quasi male, mentre imbrunisce sull’acciaio del porto fluviale e su quello di tre bici davanti al piazzale di Stazione Ostiense. Il regionale delle 18.23 è in perfetto orario, noi addirittura in anticipo. Per l’occasione ho montato due borse Ortlieb, primo segno di lassismo borghese nella mia attrezzatura abbondante e dozzinale. Sto forse invecchiando? Cedo al lusso e alle mollezze? O tempora, o mores?
Condividiamo la carrozza bici con un’ambigua coppia che scende a Orbetello, lui troppo vecchio per essere il compagno e troppo giovane per essere il nonno. Ci poniamo dubbi se sia il padre o meno. Le loro bici sono belle, comunque.

L’iPad di Saverio scorre veloce sulle mappe e sui possibili itinerari per la prima tappa del giorno successivo. Io confronto il suo approccio al viaggio in bici al mio, sì, io che tengo nella stessa tasca dello zaino lo spazzolino da denti e l’olio per la catena.
Lo sferragliare precario e tipico di qualsiasi cosa si sposti sulle rotaie delle FFSS ci accompagna fino a Grosseto, lasciandoci in stazione poco prima di cena.

Roma – Grosseto

Il 2013 è stato un anno denso di viaggi...